PREZZI. Cia: frappe e castagnole costano di più ma i consumi non calano

Frappe e castagnole sono più care ma i consumi non diminuiscono: la spesa per i dolci tipici del Carnevale è infatti stimata in oltre 140 milioni di euro, con un consumo pari a più di 22 mila tonnellate. Sono le stime della Cia-Confederazione italiana agricoltori, che fa un primo bilancio e segnala che, rispetto al costo delle materie prime (farina, latte, zucchero e uova), i listini al dettaglio registrano incrementi anche dell’800%" per un solo chilogrammo di prodotto.

Un chilo di frappe al consumo – afferma la Cia – arriva a costare, in media tra i 15 e i 20 euro. Ma si possono raggiungere anche punte di 35-50 euro. Se, invece, vengono fatte in casa il costo, sempre per un chilo, si può aggirare intorno ai 5 euro. Molto meglio, quindi, il "fai da te". Sicuramente si risparmia e di tanto". Ma i prezzi non si sono tradotti in una diminuzione del consumo, che rispetto allo scorso anno dovrebbe invece aumentare del 3-4%.

Comments are closed.