PREZZI. Codacons, caro-calcetto: + 93% in sette anni

Gli amanti del calcetto dovranno allenarsi a dribblare il caro-campi: negli ultimi sette anni il costo dell’affitto è aumentato del 93%. Dopo il caro-petrolio, il caro-casa e il caro-bollette, gli italiani si trovano ora con la calcolatrice in mano anche per praticare lo sport nazionale preferito. Lo rivela il Codacons che ha svolto un’indagine a Roma e a Milano, monitorando le tariffe praticate da numerosi centri sportivi, per analizzare come è variato il costo dell’affitto di un campo da calcetto e da tennis negli ultimi 7 anni.

Indossare gli scarpini per un’ora durante il giorno costa sia a Roma che a Milano 50 euro. Se poi la partita viene giocata di sera, con l’ausilio delle luci, l’affitto sale a 64 euro l’ora per Milano (+54,9% rispetto al 2001) e a 60 euro per Roma (+45% rispetto al 2001). Aumenti del 93,7% anche per il Tennis, soprattutto se praticato in terra rossa: il campo in erba sintetica è aumentato del 55,3% a Milano e dell’82,9% a Roma.

"Come avvenuto in molti altri settori – ha spiegato il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – in diversi casi le tariffe sono state praticamente raddoppiate. Ciò, unito all’aumento del costo della vita, ha determinato una netta diminuzione del numero di cittadini che possono permettersi con una certa regolarità qualche ora di svago e di sport. La percentuale di utenti che affittano almeno una volta a settimana un campo per una partita a tennis o a calcetto, infatti, è diminuita negli ultimi sette anni di circa il 25%".

Comments are closed.