PREZZI. Consumatori: scende costo del grano ma non quello di pane e pasta

Il prezzo del grano all’origine è in continua discesa ma non si registra, allo stesso tempo, un calo del costo del pane e della pasta che anzi continua a salire. E’ la denuncia di Federconsumatori e Adusbef che spiegano: "Rispetto al mese scorso il prezzo di tale materia prima è sceso di oltre il 5%, ma ancora più impressionante è il dato relativo al confronto rispetto al 2008: – 59,7%! È inconcepibile come, però, tali forti diminuzioni non si ripercuotano affatto sui prezzi al consumo che, nelle ipotesi migliori, rimangono stabili".

"Quella per i principali derivati del grano è, infatti, una delle voci che incidono in maniera più consistente sulla spesa alimentare delle famiglie italiane, specialmente per quanto riguarda quelle meno abbienti – concludono le Associazioni – Solo nel 2008, a causa dei fortissimi aumenti registrati nei prezzi di tali prodotti (rispettivamente, del 30% per quanto riguarda il pane e il 35% per la pasta), le famiglie hanno dovuto far fronte ad aggravi di: + 270 € per il pane (ipotizzando un consumo medio di 1 kg al giorno); + 146 € per la pasta (ipotizzando un consumo medio di 1 kg al giorno)".

 

Comments are closed.