PREZZI. Contatori, Italgas: nessuna truffa a carico dei consumatori

Un’inchiesta de "la Repubblica" denuncia gas pagato in bolletta ma non erogato, per una stima di 500 milioni di metri cubi e rincari medi del 10%, con punte fino al 15%. È quanto emerge da una perizia condotta per la procura di Milano su un campione di contatori. Sulla denuncia, che ha mobilitato le associazioni dei consumatori, è intervenuta Italgas, che "conferma l’assoluta correttezza delle procedure di misurazione ed esclude qualsiasi truffa a carico dei consumatori finali". È quanto ha commentato oggi la società in una nota stampa.

"Italgas gestisce 6 milioni di contatori per il gas, rispetto ad un parco nazionale contatori di circa 20 milioni", ribadisce la società, che sottolinea di impiegare i propri contatori "nel pieno rispetto della normativa vigente". "Dei 6 milioni di contatori Italgas, meno di un terzo, 1.8 milioni, superano i 25 anni – spiega ancora Italgas – Questi contatori sono oggetto di un piano di sostituzione "fisiologico" iniziato nel 2006, e che si svilupperà nei prossimi 5 anni. Ciò consentirà ad Italgas di essere ai primi posti in ambito europeo per efficienza ed innovatività dei propri contatori".

"Come rileviamo dall’edizione odierna del quotidiano La Repubblica, l’inchiesta della Procura di Milano si è accentrata sui contatori di gas domestici e risulta ieri depositata una perizia che, per quanto a nostra conoscenza, non riguarda i contatori di Italgas": è quanto afferma la società in un comunicato stampa nel quale si sottolinea "l’assoluta correttezza delle procedure di misurazione" e si escludono truffe a danno dei consumatori. La società precisa inoltre che, in caso di malfunzionamento dei contatori, gli utenti possono rivolgersi agli uffici Italgas per la verifica del consumo.

Comments are closed.