PREZZI. Coop, IV Rapporto Sociale fra flessione utili e solidarietà. Soldi: “Siamo sotto attacco”

Dai Corner Salute alla CoopVoce. Dalle attività di solidarietà – come il progetto Buon Fine, la solidarietà internazionale di Stop World Poverty e la linea Solidal – ai controlli di sicurezza sui prodotti venduti. E i numeri: oltre 6,5 milioni di soci (più 3,3% rispetto al 2006) ma anche calo di utili del 43%, da 379 a 162 milioni di euro, seguendo una politica di difesa del potere d’acquisto. Sono i dati resi noti oggi dalla Coop che ha presentato il Quarto Rapporto Sociale Nazionale della Cooperazione di Consumatori. "Stimiamo – ha detto Riccardo Bagni – che il valore distribuito ai consumatori grazie all’insieme delle promozioni realizzate dalle cooperative sia stato di oltre 805 milioni di euro nel 2007". Molti soci (oltre 1.100.000) sono anche prestatori, ovvero soci che hanno deciso di prestare alla propria cooperativa i propri risparmi con lo scopo di ottenerne una remunerazione adeguata ma al tempo sostenere lo sviluppo e le attività di Coop: un dato in crescita con più 6% negli ultimi due anni.

La presentazione del Rapporto è stata occasione per evidenziare le strategie di sviluppo nel settore consumerista. Capitolo farmacie: i corner salute coop sono diventati 73 in 14 Regioni italiane, con 306 farmaci e 680 parafarmaci in allestimento, un 25% di sconto medio con punte del 35%. "Il risparmio generato da inizio 2007 a oggi – si legge nel Rapporto – è pari a oltre 7 milioni di euro". C’è poi la nascita di CoopVoce, operatore mobile virtuale nato dall’accordo fra Coop Italia e Telecom Italia: alla fine dell’anno le attivazioni sono state 137.140.

Fra i programmi di solidarietà seguiti da Coop c’è il progetto Buon Fine volto al recupero di prodotti invenduti. Il progetto intende "valorizzare le eccedenze trasformando i prodotti invendibili o invenduti in atto concreto e visibile di solidarietà": la pratica del recupero di alimentari invenduti è diffusa su quasi tutto il territorio nazionale e coinvolge 933 associazioni non profit. Nel 2007 la quantità della merce alimentare donata è stata di oltre 1.400.000 kg per un valore pari a 9.882.174 euro. "Stop World povertà" è invece un progetto triennale di solidarietà internazionale che intende favorire lo sviluppo durevole nei paesi del Sud del mondo attraverso "progetti finalizzati a creare o rafforzare esperienze produttive che abbiamo come sbocco il mercato italiano e la rete di vendita Coop". Nel 2008 saranno avviati 14 progetti che coinvolgeranno più di 50 mila beneficiari diretti, afferma la Coop: fra questi ci sono progetti per la trasformazione di frutta amazzonica (Brasile), per la produzione di miele (Rete panamericana), per la produzione di scarpe per il tempo libero (Ecuador), produzioni orticole (Burkina Faso) e produzione di sciarpe in pashmina e seta (Nepal). Ci sono poi i prodotti a marchio Coop del commercio equo e solidale con la linea Solidal.

Sul fronte ambientale, il Rapporto sociale evidenzia inoltre gli impegni seguiti da Coop nel risparmio, riutilizzo e riciclo di imballaggi: dal 2000 al 2007 sono state risparmiate più di 9500 tonnellate di materiali vari. La stessa Coop ha deciso di smettere di vendere lampade a incandescenza.

Alla presentazione del Rapporto sociale è intervenuto il presidente di Ancc-Coop Aldo Soldi. "Siamo di nuovo sotto attacco", ha detto Soldi: "Nella manovra economica e finanziaria del Governo ci sono norme che tendono a peggiorare le condizioni delle cooperative, e delle cooperative di consumatori. Abbiamo stimato che il costo sia intorno ai 50 milioni di euro". Il riferimento è a tre misure all’esame del Parlamento: l’aumento dell’imposizione fiscale sugli interessi corrisposti per il prestito sociale, la diminuzione della quota esente dal pagamento IRES e la tassa straordinaria del 5% sugli utili per due anni. "A chi giova indebolire la cooperazione di consumatori nel nostro Paese? – ha detto Soldi – Sono sicuro che non giova ai soci, ai clienti, ai fornitori di piccole e medie dimensioni, non giova alla rete democratica nella quale Coop è inserita e agisce. Giova sicuramente a qualche concorrente".

Comments are closed.