PREZZI. Da domani rincarano i pedaggi autostradali

"Altro che non mettere mano in tasca agli italiani". Così Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, presidente Adusbef e Federconsumatori, commentano la notizia relativa al rincaro dei pedaggi autostradali effettivo da domani, 1° luglio. È stato firmato infatti il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che autorizza l’Anas a procedere con la doppia operazione prevista nel decreto manovra. La prima operazione prevede il pagamento di un euro di sovrappedaggio per autovetture e moto (classi A e B) e due euro per i veicoli pesanti (classi C, D, E) su 26 caselli di concessionarie autostradali interconnessi a raccordi e autostrade Anas. La seconda operazione prevede invece il pagamento di un sovracanone di 1 millesimo a chilometro per i veicoli leggeri e di 3 millesimi a chilometro per i veicoli pesanti su tutti i caselli autostradali d’Italia.

"I rincari – spiegano i Presidenti – avranno pesanti ricadute sulle famiglie del nostro paese non solo in termini diretti attraverso il pagamento di un pedaggio prima inesistente, ma anche per le ricadute che tali aumenti avranno per gli aumentati costi di trasporto dei beni che come tutti sanno nel nostro Paese il 90% è attuato su gomma. Le famiglie italiane quindi, senza pensare ai molti pendolarismi su quelle tratte in cui vi sarà l’imposizione di una tariffa e che potrà pesare anche per 20-25 euro al mese, si ritroveranno con aumenti inflattivi che come minimo peseranno per circa uno 0.1-0.2 sul tasso di inflazione pari ad una media di 45 euro annui per aumento prezzi".

"Queste considerazioni ci portano ancora di più a sottolineare l’iniquità che questa manovra avrà in merito alla capacità di acquisto delle famiglie che già abbiamo calcolato pari ad una perdita di 533 euro annui con tutte le conseguenze che si avranno sulla domanda di mercato che diminuirà ulteriormente di oltre 10 miliardi di euro provocando così ulteriori problematiche alla produzione industriale del nostro Paese" concludono Lannutti e Trefiletti.

Comments are closed.