PREZZI. Federconsumatori: calze leggere per la Befana

Alla Befana non si rinuncia soprattutto per i bambini, che riceveranno dolci e qualche gioco, anche se le calze saranno più leggere perché più vuote: diminuisce il budget disponibile da parte delle famiglie, che si orienteranno a riempire le calze con dolci e caramelle piuttosto che con giocattoli più costosi, sia perché questi sono già stati regalati a Natale, sia perché a gennaio ci sono scadenze da rispettare – fra canone tv e bollo auto – e previsioni di ulteriori aumenti di spesa. È quanto rileva Federconsumatori che ha monitorato alcuni prodotti classici dell’Epifania.

Risultato? Una calza già riempita nel 2009 costava da 7,50 euro a 59 euro, quest’anno il prezzo varia da 8 euro a 64 euro, con un aumento che può arrivare al 7-8%. Rincarano anche collant, gambaletti e calze da uomo, che possono essere riempiti di dolci e poi riutilizzati come indumenti, con variazioni percentuali comprese fra il 6 e il 20%.

E per i giocattoli? L’associazione ricorda che è importante verificare che vi sia contrassegnato il marchio che garantisce la conformità delle norme europee (CE – certifica la piena osservanza della legge 313). Il monitoraggio effettuato fra il 2008 e il nuovo anno evidenzia nel complesso aumenti più contenuti, generalmente intorno al 2 o 3% per costruzioni, automobiline, peluche, bambolotti e cavalli a dondolo.

Comments are closed.