PREZZI. Istat conferma: a giugno inflazione allo 0,5%

A giugno l’inflazione scende allo 0,5% rispetto allo 0,9% di maggio. L’indice nazionale dei prezzi al consumo registra infatti una variazione di più 0,1% rispetto a maggio 2009 e una variazione di più 0,5% rispetto a giugno 2008, la più bassa dal settembre 1968. È quanto comunica l’Istat confermando le stime preliminari.

In particolare, a giugno rispetto al mese precedente gli aumenti più significativi sono stati rilevati per i capitoli Trasporti (più 0,9%) e Ricreazione, spettacoli e cultura (più
0,6%) mentre variazioni congiunturali negative si sono verificate nei capitoli Comunicazioni (meno 1,2%), Servizi sanitari e spese per la salute (meno 0,5%) e Prodotti alimentari e
bevande analcoliche (meno 0,1%). Rispetto a giugno 2008, gli incrementi più elevati sono segnalati per Bevande alcoliche e tabacchi (più 4,9%), Altri beni e servizi (più 2,4%) e Istruzione (più 2,1%). In flessione inveceTrasporti (meno 3,9%), Comunicazioni (meno 0,9%) e Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (meno 0,1%).

Nelle 20 città capoluogo di regione, a registrare gli aumenti tendenziali più elevati sono state Napoli, Reggio Calabria e Trieste mentre le variazioni più moderate hanno riguardato Aosta, Trento, Milano e Venezia.

Comments are closed.