PREZZI. Istat, inflazione a giugno sale all’1,7%. Cia: “Frutta e verdura alle stelle”

Secondo i dati preliminari, l’Istat stima che l’inflazione relativa al mese di giugno 2007 presenti una variazione di più 0,2 rispetto al mese di maggio e una variazione di più 1,7% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. In base alla stima provvisoria, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo(calcolato considerando anche prezzi che presentano riduzioni temporanee legate a sconti, saldi, vendite promozionali) registra nel mese di giugno una variazione di più 0,3% rispetto al mese precedente e una variazione di più 2,0% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

La Cia, Confederazione italiana agricoltori, denuncia gli aumenti che si registrano lungo la filiera, soprattutto nell’ortofrutta (più 15% rispetto al 2006): "La forbice tra i prezzi sui campi e quelli al dettaglio dei prodotti agroalimentari continua ad allargarsi – dice la Confederazione – Da una parte abbiamo i listini alla produzione agricola che, nei primi cinque mesi del 2007, diminuiscono media tra l’,1,5 e il 2,3%, mentre i consumatori fanno i conti con aumenti sempre più marcati, visto che in giugno si sono registrati incrementi sugli scaffali del 2,5% (tendenziale). Rincari che per frutta e verdura hanno toccato livelli record (più 15 per cento in media rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso), pur non avendo alcuna giustificazione".

"E ciò dimostra – segnala la Cia – che il settore primario ancora una volta ha contribuito a frenare il costo della vita, anche se vanificato dai rincari che si verificati lungo tutta la filiera sino alla tavola, come evidenziato dalla stessa indagine dell’Antitrust".

Comments are closed.