PREZZI. Lazio, 60 punti vendita sotto esame contro i rincari

Un progetto per monitorare i prezzi in sessanta punti vendita, in particolare nei supermercati: è l’iniziativa predisposta dall’Assessorato alla Tutela dei consumatori e semplificazione amministrativa della Regione Lazio che intende in questo modo vigilare sugli interessi economici dei cittadini e intervenire nei confronti dei rincari segnalati nei prezzi dei prodotti di largo consumo. E in prospettiva, ha detto l’assessore alla Tutela dei consumatori Mario Michelangeli, c’è una legge regionale destinata ai consumatori.

"L’assessorato alle Tutela dei Consumatori da me presieduto, pur non avendo poteri, sta mettendo a disposizione tutti i mezzi operativi per la tutela del cittadino: a tal proposito – ha detto Michelangeli – stiamo predisponendo un progetto per il monitoraggio sui prezzi in 60 punti vendita della Regione (soprattutto supermercati dislocati nelle province) per aiutare i cittadini-consumatori ad orientarsi meglio negli acquisti e perché non diventino vittime di speculazioni. Inoltre stiamo anche preparando una legge regionale unicamente per i consumatori che dia la possibilità ai cittadini di effettuare reclami sull’aumento immotivato dei prezzi di determinati beni e/o per la mancata soddisfazione del bene acquistato".

Sono in programma incontri con le associazioni dei commercianti, mentre a maggio è stato attivato il Portale del Consumatore (www.portaleconsumatore.it): si possono porre domande online alle associazioni dei consumatori ed è attivo anche il Contact Center Consumatori, al numero verde 800.900.542 (solo da numeri fissi, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00). L’obiettivo delle iniziative è "vigilare e proteggere gli interessi economici e giuridici del consumatore per far sì che non diventi vittima di eventuali speculazioni bensì consapevole dei propri diritti".

Comments are closed.