PREZZI. Libri scolastici, Altroconsumo: aumento dei tetti massimi, si spenderà fino al 37,5% in più

Prezzo dei libri scolastici in aumento. "Nonostante la rassicurazione del Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, settembre sarà un mese di rincari per le famiglie italiane". Lo denuncia Altroconsumo, secondo cui a distanza di un anno, per i libri di testo scolastici, si spenderà fino al 37,5% in più.

La causa è l’entrata in vigore della riforma e la conseguente modifica dei programmi scolastici. Il Ministero dell’Istruzione, con decreto n. 43 del 10 maggio 2011 ha sancito, infatti, un innalzamento del limite massimo di spesa per i libri scolastici di ogni ordine e grado di scuola, ovvero dei cosiddetti "tetti di spesa".

A subire gli aumenti più significativi saranno gli studenti degli istituti tecnici del settore tecnologico (9,1%) e del settore economico (5,7%): in questi 2 casi il confronto è stato fatto con i tetti degli istituti tecnici industriali e commerciali del vecchio ordinamento. Gli incrementi di spesa per il secondo anno arrivano al 37,5% per il settore tecnologico e al 20,6% per quello economico. Gli incrementi per i licei classici e scientifici arrivano alla soglia media del 2,5%: i più penalizzati sono gli studenti dei primi due anni che arriveranno a spendere il 3,1% e il 5% in più al classico e il 3,3% e il 4,8% in più allo scientifico. Gli aumenti riguardano anche gli studenti delle scuole medie: l’aumento medio del 2,5% raggiunge la punta massima del 3,6% per il secondo anno.

Comments are closed.