PREZZI. Nuovo paniere Istat, i Consumatori non risparmiano critiche

Fa discutere il nuovo paniere dell’Istat. L’inserimento di nuovi prodotti come pasta base per pizza e rustici, mais in confezione, USB e DVD non risparmia note critiche da parte delle associazioni dei consumatori. Per Federconsumatori e Adusbef l’aggiunta delle nuove voci non modifica quelle che vengono considerate misurazioni inadeguate, mentre Adiconsum chiede la rilevazione automatizzata dei prezzi attraverso i codici a barre.

"Non sarà certo l’inserimento di nuove voci, del tutto marginali, nel paniere Istat a conferire maggiore attendibilità alla misurazione dell’inflazione": è il commento di Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef, per i quali molte voci che incidono sul potere d’acquisto sono rimaste invariate. Queste comprendono, rilevano le associazioni, le voci relative al costo dell’abitazione , "spesa indispensabile, che incide pesantemente sul bilancio familiare e che non può ridursi a un 9,4%. O ancora i servizi finanziari ed assicurativi, i cui pesi attribuiti dall’Istat – affermano – sono lontanissimi dalle spese che le famiglie realmente devono sostenere in questi settori, particolarmente sulla Rc-auto che, anziché l’1,2% si dovrebbe attestare ad oltre il 3.0%. È proprio a causa di queste sottostime che si determina quella che noi definiamo la distorsione nella determinazione del potere di acquisto".

Lo scarso peso dell’Rc auto è un elemento evidenziato anche da Adiconsum. "Positivi gli aggiornamenti, anche se resta ancora insufficiente il peso attribuito all’Rc auto nel bilancio delle famiglie", commenta l’associazione che ritiene che questa voce "gravi in maniera significativa sul budget familiare e che debba assumere un peso pari almeno al 2,5% contro l’attuale peso previsto che è invece inferiore all’1%". Il nuovo paniere inoltre non risolve la mancata rilevazione dei prodotti considerati "nuovi" sul mercato grazie a piccole modifiche. L’associazione dunque chiede "la rilevazione automatizzata dei prezzi attraverso il codice a barre, per evitare ribassi ad hoc da parte degli esercizi commerciali oggetto della verifica".

I nuovi prodotti alimentari del paniere vengono invece interpretati come nuovi stili di consumo da parte di Coldiretti: "L’ingresso della pasta base per pizze, rustici e dolci nel paniere Istat riconosce la nuova tendenza alla preparazione casalinga dei cibi come la pizza, che consente di spendere appena un terzo del prezzo pagato per acquistarla fuori casa".

 

Comments are closed.