PREZZI. Pasqua, Federconsumatori: “Occhio ai rialzi”

La Pasqua è alle porte e la Federconsumatori pubblica i risultati del monitoraggio sui prezzi dei prodotti tipicamente consumati in questo periodo che evidenziano un andamento crescente dei prezzi rispetto all’anno precedente. L’aumento in questione è pari al 5 %, fatta eccezione per i prezzi della carne di pollo e tacchino, che hanno subito un crollo vertiginoso dovuto al "Caso Aviaria" (-39% circa per il pollo e -14% circa per il tacchino). Leggermente superiore a quello medio percentuale è l’aumento registrato sui prezzi delle carni più consumate in occasione della festività pasquale: + 7,0 per agnello e abbacchio. Rimane pressoché invariato il prezzo del coniglio che subisce un aumento minimo del 1,1%.

La Federconsumatori consiglia:

  • rivolgetevi ai rivenditori di fiducia e attenzione alla provenienza delle carni (possibilmente italiana).
  • attenzione agli ingredienti. Spesso, soprattutto nel caso di uova non di marca, il cioccolato adoperato contiene eccessive quantità di zucchero, grassi vegetali e animali e additivi vari.
  • Attenzione all’etichetta. Diffidare dai dolci che contengono eccessive quantità di grassi aggiunti. Gli ingredienti principali di una buona colomba sono zucchero e farina e uova.

Comments are closed.