PREZZI. Rc auto, ogni anno si spendono 110mld di euro

Nel periodo 2000-2006 i premi per la rc auto al meridione sono aumentati di oltre il 43% mentre è più contenuto, quello nelle regioni settentrionali, +20,7%, ed in quelle centrali, +32,7%. Sono alcuni dei dati che emergono da una ricerca sugli effetti che le innovazioni tecnologiche producono in ambito assicurativo, condotta da Antonio Coviello, docente di Marketing Assicurativo nella Seconda Università di Napoli e ricercatore presso l’Istituto di ricerche sulle attività terziarie (Irat) del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Napoli.

"Il fenomeno delle frodi nel ramo rc auto, in particolare nel Sud – spiega Coviello – contribuisce a far innalzare i premi con pesanti ricadute sociali sugli automobilisti. Infatti, la variazione dei premi nel periodo 2000-2006 rilevata dai dati ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo), ci conferma che la regione Campania – dove si registra il maggior numero di frodi – presenta l’incremento dei premi del +43,4% (+4,4% la variazione solo tra il 2005 ed il 2006), più elevato rispetto al Piemonte (+19,1%) ed al Veneto (+24,3%), che nel 2000 avevano una produzione simile a quella campana. Più in generale, l’aumento medio dei premi r.c.a., tra il 2000 ed il 2006 è stato del 20,7% nell’Italia del Nord (unica zona italiana che registra un -0,9% tra il 2005 ed il 2006, contro aumenti generalizzati – anche se minimi- delle altre zone), del 38,7% nel Centro, del 43,2% nel Sud e 42,9% nelle Isole, per una media nazionale pari al 28,5%".

Ma quanto e come spendono gli italiani in assicurazioni? "All’Italia meridionale – continua l’esperto – è riferibile il 12,54% della produzione nazionale dei rami vita (che ammonta a oltre 69 miliardi di euro totali annui, il 14,02% di quella dei rami danni (oltre 37 miliardi di euro totali), il 19,75% di quella del ramo r.c.auto (oltre 18,4 miliardi di euro); in particolare l’incidenza del ramo rc auto sui rami danni è del 68,87 al Sud. Il confronto di tali dati con quelli delle regioni del Nord Italia, rispettivamente il 57,46%, il 54,10%, il 47,15% e 47,5%, evidenzia una composizione del portafoglio molto differenziata".

In relazione alla distribuzione provinciale dei premi, nei ‘rami danni’ le province che registrano il maggiore volume di premi sono Milano (11,4% del totale nazionale), Roma (9,2%), Torino (4,6%), Napoli (3,2%). Nel ramo rc auto le province che registrano la maggiore raccolta premi sono Roma (8,3% del totale nazionale), Milano (7%), Napoli (4,4%), Torino (3,9%). Il mercato assicurativo napoletano risulta nel 2006 tra i primi quattro più importanti d’Italia, con una produzione di 2 miliardi di euro nei rami vita, 1,2 miliardi nei rami danni e 0,81 miliardi nel ramo r.c.auto, per una raccolta premi totale di 3,2 miliardi di euro.

"Il mercato assicurativo meridionale dei rami danni nel 2006 – conclude Coviello – è sostanzialmente legato alla copertura r.c.auto (69,87%) ma vi è assoluta dipendenza da tale ramo in Campania dove il 71,98% dei premi dei rami danni è costituito dalle polizze r.c.auto. Nelle regioni dell’Italia settentrionale, invece, assume un peso predominante la produzione dei rami vita e il portafoglio dei rami danni è più equilibrato risultando maggiore l’incidenza della produzione degli altri rami danni e più contenuto il peso del ramo r.c.auto (solo il 47,5%) sul totale dei rami danni".

 

 

Comments are closed.