PREZZI. UNC: caro-ortofrutticoli? Che ne è dei mercati degli ortolani?

Lotta al caro-ortofrutticoli? Per l’Unione Nazionale Consumatori (UNC) si può combattere con i "mercati degli ortolani" previsti dalla legge n. 296/2006 ma "ancora in alto mare". Lo riferisce l’associazione dei consumatori in una nota. "La legge – ha spiegato UNC – aveva incaricato i Comuni di trovare aree pubbliche riservate esclusivamente agli agricoltori che vendono i propri prodotti, sicuramente a prezzi più contenuti, perché si evitano i vischiosi passaggi intermedi che gonfiano i prezzi."

Rafforzare l’economia agricola nazionale, evitare l’abbandono delle terre e dare ai consumatori hanno la certezza di comprare ortofrutticoli nazionali, anzi della propria regione, freschi e genuini. Questi alcuni dei lati positivi della norma messi in evidenza dall’associazione che ha fatto notare come questa, a distanza di quasi due anni, "sia rimasta lettera morta". "I Comuni – ha spiegato l’avv. Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Consumatori. – sono affaccendati in altre faccende". Inoltre, l’UNC ha ricordato "che gli ortolani che vendono i propri prodotti non sono soggetti alle norme sul commercio e la differenza di prezzo rispetto alla distribuzione tradizionale è mediamente del 50%".

Comments are closed.