PREZZI. Unione Petrolifera, benzina: variazioni in aumento non sono più rapide di quelle in discesa

Gli andamenti dei prezzi della benzina "evidenziano come sia destituita di fondamento l’opinione diffusa che le variazioni dei prezzi in aumento siano più rapide di quelle in discesa". È quanto sostiene l’Unione Petrolifera in una nota stampa.

"Nell’ultima settimana le quotazioni internazionali dei prodotti rilevate dal Platts hanno subito una brusca accelerazione, dopo il parziale ripiegamento della fine di marzo – scrive l’UP – In particolare, la benzina dall’inizio di aprile ad oggi, a livello Platts, si è apprezzata di quasi 2 centesimi euro/litro, mentre il gasolio di quasi 4 centesimi euro/litro. A fronte di ciò, nello stesso arco di tempo il prezzo medio italiano della benzina, al netto di accise ed IVA, è cresciuto di 0,5 centesimi euro/litro, mentre quello del gasolio di 0,4 centesimi". Per l’UP gli andamenti "evidenziano come sia destituita di fondamento l’opinione diffusa che le variazioni dei prezzi in aumento siano più rapide di quelle in discesa" e "i comportamenti delle aziende sono sempre improntati a coerenza e prudenza nel recepimento delle variazioni dei prezzi internazionali".

Comments are closed.