PRIVACY. Censimento nomadi, nessun via libera dal Garante

Dovrebbe scattare tra domani e giovedì il censimento dei nomadi proposto dal Ministro Maroni. Intanto è "giallo" sul via libera del Garante Privacy sulle schede da compilare. La Croce Rossa che conserverà nei propri archivi il "foglio notizie" realizzato per ciascun nomade assicura di aver ottenuto l’ok dal Garante ma in una nota l’organo collegiale fa sapere che non ha mai ricevute le schede informative adottate dai singoli Commissari di Governo e che, pertanto, non ha potuto né esaminarle né esprimere su di esse alcun parere.

Il Garante fa sapere di restare in attesa di ricevere le linee guida predisposte dal Ministero dell’Interno secondo i criteri già anticipati all’Autorità e di cui essa ha preso atto. Solo su tali linee guida il Garante esprimerà il suo avviso.

Il "foglio notizie" conterrà dati anagrafici e biometrici (fotografia, data e luogo di nascita, occupazione, provenienza) e dati sanitari approfonditi, una sorta di cartella clinica con lo stato di salute, le vaccinazioni sostenute, le malattie affrontate, eventuali interventi chirurgi, le patologie gravi o in corso. A ciascun nomade, bimbi compresi, sarà invece consegnata una "tessera sanitaria" con il logo della Croce Rossa, i dati anagrafici, la fotografia, una sintesi generica e mai indiscreta della scheda sanitaria, informazioni sulla scolarizzazione e sull´accesso ai servizi pubblici fondamentali. La tessera servirà ai nomadi per l´accesso ai diritti-doveri fondamentali, dalle vaccinazioni all´istruzione di base. Consentirà anche l´accesso agli ambulatori della Croce Rossa.

Comments are closed.