PRIVACY. Commissione Ue chiede norme di tutela elevate nell’accordo con gli USA

L’accordo tra Unione Europea e Stati Uniti sullo scambio dei dati personali dei cittadini ai fini della lotta al terrorismo dovrebbe giungere ad una soluzione. Oggi la Commissione europea ha adottato un progetto di mandato per negoziare un nuovo accordo: la Commissione intende dettare norme di protezione dei dati personali vincolanti e giuridicamente applicabili che garantiscano la tutela dei diritti e delle libertà fondamentali dei cittadini. Spetterà ad autorità pubbliche indipendenti dei due continenti vigilare sull’osservanza di tali norme. Obiettivo della Commissione è assicurare un alto livello di protezione delle informazioni personali, come i dati sui passeggeri e le informazioni finanziarie, trasferite nell’ambito della cooperazione transatlantica in materia penale.

L’accordo rafforzerà il diritto dei cittadini di accedere ai dati, rettificarli o, se necessario, cancellarli. I cittadini dell’Unione potranno poi proporre ricorso giurisdizionale negli Stati Uniti contro l’uso illecito dei loro dati. Sarà riconosciuto un ruolo più incisivo alle autorità pubbliche indipendenti incaricate di assistere i cittadini nell’esercizio dei diritti connessi alla tutela della vita privata e di controllare i trasferimenti transatlantici di dati. Il Consiglio dovrà approvare il mandato negoziale della Commissione prima dell’avvio delle discussioni. Il Parlamento europeo verrà costantemente informato sullo stato dei negoziati e sarà chiamato ad approvarne l’esito.

"I diritti fondamentali vanno tutelati e rispettati sempre e comunque – ha dichiarato la vicepresidente Viviane Reding, Commissaria responsabile per il portafoglio Giustizia, diritti fondamentali e cittadinanza – Per questo esigo un accordo UE-USA in grado di garantire la tutela dei diritti connessi alla protezione dei dati personali nell’ambito della lotta al terrorismo e alla criminalità. Auspico un accordo ambizioso e assocerò il Parlamento europeo a tutti i lavori delle fasi negoziali. Sollecito il Consiglio ad approvare il mandato quanto prima in modo da proseguire con i negoziati relativi a questo e ad altri importanti accordi tra l’UE e gli USA."

Comments are closed.