PRIVACY. Controlli dall’Ue sulla rete Swift che trasmette dati finanziari personali al Tesoro Usa

La rete Swift che trasmette, per ordinanza amministrativa, i dati finanziari personali provenienti dall’Ue al dipartimento del Tesoro statunitense, sarà sottoposta ad un esame delle procedure di trattamento, utilizzo e diffusione delle informazioni. Lo ha deciso la Commissione europea che ha incaricato il giudice Jean-Louis Bruguière per il controllo. Il giudice, esperto di lotta al terrorismo, dovrà valutare che il programma di controllo delle transazioni finanziarie dei terroristi (TFTP), messo a punto dal dipartimento del Tesoro, dopo l’11 settembre, sia attuato secondo gli impegni assunti dal Tesoro Usa, in merito alla protezione dei dati personali provenienti dall’Unione europea. Oltre ad incontrare i responsabili del Tesoro statunitense, il giudice potrà accedere ad informazioni afferenti al TFTP ed incontrare rappresentanti di altre agenzie Usa e dell’organico esecutivo per la privacy e le libertà civili.

Ogni anno la Commissione riceverà una relazione, che presenterà al Parlamento europeo e al Consiglio. A giugno 2007, in seguito alle preoccupazioni sulla protezione dei dati emerse in ambito comunitario, il Tesoro Usa ha trasmesso all’Ue una presentazione unilaterale sui controlli e le misure che regolano il TFTP, che è stata pubblicata poi nella Gazzetta ufficiale dell’Ue e nel Registro federale Usa. Dalla presentazione emerge che il Tesoro degli Stati Uniti usa i dati forniti da Swift su ordinanza amministrativa solo per scopi antiterroristici, e li cancella entro termini specifici, procedendo a continui controlli. Tali limitazioni si applicano anche alle informazioni derivate da Swift e scambiate con altre agenzie o paesi terzi.

Il vicepresidente Franco Frattini, commissario responsabile del portafoglio Giustizia, libertà e sicurezza, ha applaudito all’ iniziativa comunitaria: "Jean-Louis Bruguière è un’eminente personalità molto apprezzata negli ambienti del controterrorismo in Europa e negli Stati Uniti. Sono convinto che la sua conoscenza delle questioni di sicurezza, la sua formazione giuridica e la sua esperienza di giudice gli conferiscano le massime qualifiche per valutare se il programma di controllo delle transazioni finanziarie dei terroristi sia attuato in conformità della presentazione unilaterale del Tesoro statunitense all’Unione europea".

Comments are closed.