PRIVACY. Direttiva Fioroni: sanzioni per gli alunni che utilizzano il videofonino a scuola

Chi diffonde immagini con dati personali altrui non autorizzate – tramite internet o mms – rischia grosso, anche a scuola: multe da 3 a 18 mila euro, o da 5 a 30 mila euro nei casi più gravi (che possono essere irrogate dall’Autorità garante della privacy) insieme a sanzioni disciplinari che spettano invece alla scuola. Le istituzioni scolastiche autonome hanno inoltre il potere nei regolamenti di istituto di inibire o sottoporre a opportune e determinate cautele l’utilizzo di mms, di registrazioni audio e video, di fotografie digitali all’interno dei locali scolastici. Lo sottolinea il ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni in una Direttiva, inviata a tutte le scuole, con il parere favorevole del Garante della privacy.

Una circolazione incontrollata di filmati, registrazioni audio, fotografie digitali – scrive Fioroni – può dar luogo a gravi violazioni del diritto alla riservatezza e alla protezione dei dati personali degli interessati, tanto più grave quando riguardi informazioni relative allo stato di salute, alle convinzioni religiose, politiche, sindacali o altri dati sensibili.

Resta ovviamente lecito scattare foto, registrare filmati con il proprio cellulare per uso personale (ad esempio, riprendere una lezione del professore a scopo di studio individuale), ma, anche in questi casi, si devono comunque rispettare ulteriori obblighi previsti da altre norme diverse da quelle relative alla privacy (ad esempio, articolo 10 del codice civile "abuso dell’immagine altrui", o, in riferimento ad altri recenti fatti di cronaca, l’articolo 528 del codice penale "pubblicazioni oscene" ). Il ministero collaborerà con il Garante per promuovere tutte le iniziative necessarie per informare e formare dirigenti scolastici, insegnanti e studenti sui temi della tutela della privacy.

"Non vorremmo che un’iniziativa lodevole – commenta Bruno Iadaresta, Moige – finisse per avere
delle ricadute pesanti a carico dei genitori, e l’unico modo per evitare questo è che la scuola dia anche delle garanzie in tal senso, applicando il divieto d’uso durante le lezioni, controllando e custodendo fino alla fine delle stesse il mezzo elettronico"

PDF: La direttiva

Comments are closed.