PRIVACY. Eurobarometro, tra gli europei preoccupazione sul trattamento dei dati e poca informazione

Una recente inchiesta di Eurobarometro ha mostrato che il 64% dei cittadini europei è preoccupato dalle questioni di protezione dei dati e dichiara che la presa di coscienza e le informazioni relative a questo campo lasciano ancora a desiderare. Il 91% dei responsabili del trattamento dei dati nelle imprese private considera necessarie delle norme legali di protezione dei dati per garantire un livello elevato di protezione dei consumatori e i fondamentali diritti dei cittadini. Tuttavia più della metà degli intervistati pensa che la legislazione, in particolare quella nazionale, non ce la fa a tener testa al volume crescente dello scambio di informazioni personali attraverso internet.

Il problema principale, avvertito dalla maggior parte dei cittadini, è la mancanza di informazione: il 77% pensa che il livello di sensibilizzazione degli europei sia debole e, anche tra le persone più informate, ci sono importanti carenze in materia di trattamento dei dati personali. Solo il 28% degli intervistati dichiara di conoscere l’esistenza delle autorità responsabili della protezione dei dati del proprio paese.

Comunque l’82% degli europei ritiene che la protezione delle informazioni sui passeggeri degli aerei possa contribuire a combattere il terrorismo. Importanti per la sicurezza contro azioni illegali sono anche le telefonate, l’uso di internet e delle carte di credito.

Un terzo delle persone tuttavia è convinto che soltanto gli individui sospetti devono essere oggetto di sorveglianza e il 20% degli intervistati desidera delle garanzie ancora più severe.

Per affrontare i cambiamenti radicali, soprattutto tecnologici, degli ultimi 20 anni la Commissione ha elaborato, nel 1995, una normativa tesa a garantire un alto livello di protezione dei dati per tutti i cittadini dell’Ue. Questa è la seconda inchiesta realizzata in ambito comunitario per esaminare la percezione di tale strategia da parte dei cittadini e dei responsabili del trattamento dei dati.

Per consultare il rapporto integrale cliccare qui

Comments are closed.