PRIVACY. Federalismo fiscale, Pizzetti: essenziale la protezione dei dati personali

Nel federalismo fiscale sarà "essenziale" la protezione dei dati personali e delle banche dati. L’attuazione del federalismo fiscale prevede infatti un flusso di informazioni che coinvolgerà i dati dei cittadini italiani nel settore della riscossione dei tributi, con la possibilità dell’accesso diretto alle anagrafi, l’interconnessione delle banche dati e la possibilità per la commissione bicamerale di vigilanza sull’anagrafe tributaria di effettuare indagini conoscitive. E dunque, attenzione alla protezione dei dati: questo il monito che viene dal Garante Privacy Francesco Pizzetti che oggi è intervenuto sul tema in occasione di un seminario sul federalismo fiscale.

"La protezione dei dati personali e soprattutto delle banche dati e dei flussi informativi – ha detto Pizzetti – sarà essenziale nel sistema del federalismo fiscale ed è importante partire fin dall’inizio con il piede giusto perché è in gioco, insieme al buon funzionamento del sistema, il rispetto dei diritti fondamentali dei cittadini. Un sistema di federalismo fiscale che non prestasse attenzione a questo aspetto potrebbe determinare conseguenze anche molto negative di sfiducia da parte dei cittadini".

Pizzetti ha ricordato il caso di due anni fa che coinvolse l’accesso ai dati nei confronti dell’allora presidente del Consiglio Romano Prodi: "Fu una spia – ha detto Pizzetti – di come è facile accedere illecitamente alle posizioni dei contribuenti, perché se si poteva fare nei confronti di Prodi, si poteva fare nei confronti di ogni cittadino. Magari per passare informazioni all’assicuratore o all’investigatore privato. Da questa preoccupazione è derivata un’attività che ci ha impegnato per oltre due anni e non è ancora giunta a conclusione". E dunque, ha aggiunto, "mi auguro che la commissione tecnica che si sta insediando, possa fin dall’inizio avere attenzione a questi aspetti".

Comments are closed.