PRIVACY. Google limita conservazione dati utenti dopo richieste Ue

BRUXELLES. Google ridurrà il tempo di conservazione dei dati identificativi personali registrati dai suoi utenti web, cercando di rispondere così alle richieste dell’Unione europea in fatto di privacy. L’Unione Europea a marzo aveva chiesto a Google di ridurre i tempi di conservazione ad un periodo compreso tra i 18 e i 24 mesi per ragioni di privacy. Il motore di ricerca ha deciso di seguire il consiglio e ha annunciato di aver ridotto il periodo di conservazione a un anno e mezzo. Le sollecitazioni nascevano dalle preoccupazioni espresse dal Gruppo di lavoro costituito dai garanti della privacy dei 27 paesi Ue il quale aveva avanzato dubbi sulla capacità di Google di rispettare la normativa europea sulla privacy e aveva chiesto chiarimenti entro la metà di giugno.

La decisione di tale periodo è stata giustificata dai consulenti Google come l’unica soluzione per non violare la privacy degli utenti senza però mettere a rischio i servizi di Google. "Dopo aver considerato le preoccupazioni del Gruppo di lavoro – ha spiegato Peter Fleischer, consulente di Google per le questioni relative alla privacy- annunciamo una nuova politica: rendere anonimi gli accessi al server (server log) dopo 18 mesi, piuttosto che il periodo stabilito in precedenza di 18-24 mesi".

Google sta cercando di alleggerire le preoccupazioni delle autorità europee e statunitensi, come del resto quelle di un piccolo ma attivo gruppo di attivisti pro-privacy, che considerano l’ampiezza dei servizi web offerti dal motore di ricerca come una potenziale minaccia alla protezione dei dati personali dei consumatori.

Sono in molti a lamentarsi del fatto che ogni volta un utente utilizza il motore di ricerca della società, lascia traccia delle sue preferenze, dei suoi interessi e dei valori in cui crede e che Google potrebbe utilizzare queste informazioni per rivenderle a società pubblicitarie. Google diffonde statistiche generali sui suoi utenti ma sostiene con fermezza di non aver mai fornito ad altri dati personali sugli utenti.

 

 

 

 

Comments are closed.