PRIVACY. Street View, Adoc: “Troppo tardivo l’intervento del Garante”

Oggi il Garante Privacy ha emesso un provvedimento che stabilisce l’obbligo per Google di fornire notizie chiare e dettagliate ai cittadini sull’utilizzo e i percorsi delle auto che mappano le città per il servizio Street View. L’Adoc aveva segnalato per prima già due anni fa le falle nella privacy del sistema e oggi l’Associazione sottolinea l’intervento tardivo dell’Autorità.

"Il Garante per la privacy si è svegliato tardi sul servizio Street View di Google – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – l’Adoc per prima due anni fa aveva sollevato il problema della violazione della privacy dei cittadini da parte del servizio di Google, chiedendo l’intervento dell’Autorità. Due anni fa si poteva ancora intervenire per un uso più rispettoso della privacy dei cittadini, farlo oggi non ha senso. Come Adoc chiediamo che si adotti un criterio uniforme con gli altri Stati sul servizio offerto dalla società di Mountain View. Chiediamo inoltre che quest’ultima ai autoregolamenti, prevedendo anche la responsabilità civile in caso di violazione delle leggi."

Comments are closed.