PRODOTTI TIPICI. Il Made in Italy in mostra a Parma, al via oggi Cibus 2008

Innovazione, export, panini e benessere. È questo la ricetta della quattordicesima edizione di Cibus, il Salone internazionale dell’alimentazione al via oggi a Parma fino a giovedì 8 maggio, punto di riferimento per tutte le aziende italiane del settore e i maggiori operatori professionali del mondo.

Duemila e 400 gli espositori di cui 210 stranieri, in rappresentanza di 26 Paesi. Si tratta della più importante rassegna dell’agrofood italiana aperta solo ai professionisti del settore per mettere in contatto le industrie agroalimentari del Made in Italy con gli acquirenti provenienti da 55 Paesi tra cui: Argentina, Australia, Austria, Brasile, Bulgaria, Canada, Cina, Corea, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Hong Kong, India, Iran, Irlanda, Kazakistan, Malesia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubbliche Baltiche (Estonia, Lettonia), Russia, Scandinavia (Finlandia, Norvegia e Svezia), Singapore, Siria, Spagna, Svizzera, Thailandia, Turchia, Ucraina, Ungheria, Usa.

Una vetrina a tutto campo firmata Made in Italy che va dai prodotti e conserve vegetali ai prodotti biologici, le carni, i salumi e i suoi derivati, i prodotti ittici, i latticini, oli e grassi, passando per i prodotti di drogheria, i dolci, le bevande, i prodotti dietetici, i cibi e le specialità etniche fino ai surgelati. Previste alla fiera 80 mila presenze, una vera cittadina del gusto dove lavorano 8 mila persone e dove accanto ai prodotti agroalimentari, e alla tecnologia legata al settore, si susseguono workshop, convegni e occasioni di incontro e studio.

Comments are closed.