PRODOTTI TIPICI. Lazio, a scuola si insegna la tradizione gastronomica locale

Attenzione alla qualità ed alla sicurezza dei cibi, valorizzazione dei prodotti locali e studio della cucina tradizionale. Anche quest’anno gli studenti laziali impareranno a mangiar bene, grazie all’iniziativa "Sapere e Sapori". Il progetto, che coinvolge le scuole delle cinque province regionali, ha appena concluso il ciclo 2004-2007 e si appresta ad iniziare un nuovo triennio con un pacchetto di 14 percorsi formativi. Lo ha reso noto l’assessore regionale all’agricoltura Daniela Valentini, che ha sottolineato l’importanza dell’educazione alimentare per le giovani generazioni.

Il programma educativo appena concluso ha visto la partecipazione di 140mila ragazzi appartenenti a 600 scuole del territorio, con lo svolgimento di attività di studio delle tradizioni culinarie della Regione. A tali tematiche il nuovo progetto triennale di "Sapere e Sapori" affiancherà ulteriori argomenti, come la biodiversità in agricoltura, la salvaguardia del territorio, l’importanza dell’acqua e la promozione di stili di vita corretti per combattere il fenomeno dell’obesità infantile. "Dare importanza a cosa e come mangiamo – ha dichiarato l’assessore Valentini – significa investire sul futuro della propria salute e nello stesso tempo contribuisce a far riscoprire e valorizzare l’agricoltura e il ruolo trainante che svolge per lo sviluppo economico di tutta la Regione".

Comments are closed.