PUBBLICITA’ INGANNEVOLE. Prodotti anticellulite, Tar Lazio conferma multa alla società produttrice

Il Tar Lazio ha confermato la multa inflitta dall’Autorità Garante della Concorrenza ed il Mercato alla società Ibs (International Best Seller) per pubblicità ingannevole relativa ad alcuni prodotti anticellute. In particolare, il Tribunale regionale ha respinto la richiesta della società di sospendere il provvedimento dell’Antitrust.

Capturia, Solubel, Quick Diet. Questi i prodotti nel mirino dell’Autorità lo scorso gennaio. Secondo il messaggio pubblicitario i prodotti composti da sole erbe naturali, garantivano una notevole perdita di peso (fino a 20 kg.) in un breve lasso di tempo. Secondo l’Antitrust omettere indicazioni sulla necessità di consultare preventivamente un medico e altre avvertenze, come attenersi alle dosi consigliate e non fare un uso prolungato del farmaco, induce i consumatori a trascurare le normali regole di prudenza, con conseguente pericolo per la loro salute. Inoltre le pubblicità sanzionate contenevano indicazioni inesatte sulle condizioni di recesso e le modalità della garanzia offerta.

Comments are closed.