PUBBLICITA’ INGANNEVOLE. Raffica di provvedimenti dall’Antitrust

Raffica di provvedimenti da parte dell’Antitrust in materia di pubblicità ingannevole. Nel bollettino di ieri, infatti, sotto la lente dell’Authority sono finiti i messaggi pubblicitari della bevanda W Tank (energy drink che presenta un elevato tenore di caffeina) riportati sul sito della società Forzapiù, della Melian Italia, società importatrice e distributrice dei veicoli della Tata motors e delle società Finnews e Padovani. Seppur in ambiti diversi, l’Antitrust ha rilevato in tutti i casi l’ingannevolezza dei messaggi.

Il 20 aprile 2011 l’Antitrust ha esaminato i messaggi pubblicitari della bevanda W Tank (energy drink che presenta un elevato tenore di caffeina) riportati sul sito della società Forzapiù, che produce e commercializza bibite di diversa natura.
Tali messaggi erano incentrati sull’impiego del prodotto per superare momenti di forte stanchezza alla guida: " più energia più attenzione più sicurezza… per chi guida il camion di giorno e di notte…. per l’autotrasportatore ma non solo… per i drivers che decidono di rimanere svegli… per i giovani che rientrano tardi dalla discoteca… uno speciale energy drink perfettamente adatto alle necessità di chi vive situazioni di stress psico-fisico … quando la stanchezza incombe e la prontezza di riflessi viene meno, WTANK dà energia immediata e un piacevole senso di benessere, favorendo il ripristino della concentrazione ed il recupero del fabbisogno energetico, utile a scongiurare potenziali situazioni di rischio sulla strada…. prevenendo i colpi di sonno e le relative disastrose conseguenze".

In questo caso il procedimento si è concluso senza sanzioni e con l’accettazione, da parte dell’Antitrust, degli impegni assunti dalla società in quanto garantiscono all’utente un’informativa esauriente sulle caratteristiche della bevanda, su possibili controindicazioni e sulla necessità di adottare comportamenti idonei ad evitare incidenti stradali.

Sotto la scure dell’Agcm sono finiti anche i messaggi pubblicitari realizzati tra il 2008 ed il 2013 dalla Melian Italia, società importatrice e distributrice dei veicoli della Tata motors. Il 20 aprile 2011 l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha infatti esaminato la pubblicità pubblicata su numerose riviste, e diffusa anche attraverso depliant ed internet, relativa ai diversi modelli del pick up Tata Xenon, nei quali si sottolineavatra l’altro la possibilità di "soddisfare tutte le esigenze, sia nell’utilizzo professionale, che per il tempo libero", che "i posti in cabina garantiscono un ottimo confort di viaggio a tutti i passeggeri" e che "un’appropriata scelta degli accessori permette la personalizzazione di Xenon secondo le diverse esigenze d’uso".

Secondo l’Agcm, che ha comminato all’azienda una sanzione pari a 100 mila euro, i messaggi ingeneravano confusione negli acquirenti, che non erano informati che il proprietario è soggetto a sanzioni amministrative e fiscali in caso di uso improprio dell’autoveicolo: solo dopo l’apertura del procedimento la Melian ha modificato i messaggi pubblicitari, mettendo in particolare evidenza il fatto che il pick up è soggetto alle normative italiane autocarro (omologazione N1).

Il 20 aprile 2011, infine, l’Antitrust ha preso in esame i messaggi pubblicitari di altre due società. Nel caso della Finnews, l’Agcm ha contestato la genericità delle indicazioni relative al Taeg (tasso annuo effettivo globale), che impedisce al consumatore di valutare esattamente i costi da sostenere per la restituzione del prestito e di effettuare una comparazione dei finanziamenti offerti con quelli di operatori concorrenti. Nel caso della Padovani, è stata contestata anche la scarsa chiarezza in merito al fatto che la società non erogava direttamente i finanziamenti ma svolgeva solo opera di mediazione creditizia. In relazione alla diversa durata della pratica, l’Agcm ha deliberato una sanzione di 44.000 euro alla Finnews e di 18.000 euro alla Padovani.

Per ulteriori informazioni si consiglia di visitare il sito di Assoutenti che dedica una scheda ad ognuno dei provvedimenti presi in esame.

Comments are closed.