Parte la campagna contro la “serrata” dei taxi

La sede nazionale del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) ha ricevuto tra ieri e oggi circa un migliaio di telefonate di cittadini che manifestano il loro appoggio ai provvedimenti Bersani di liberalizzazione e in particolare si schierano contro la "serrata" dei tassisti.

Il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) sta presentando denunce per interruzione di servizio di pubblica necessità (art. 331 C.P.) in tutte le città dove i tassisti non solo hanno effettuato vere e proprie "serrate" ma stanno bloccando il traffico dei mezzi pubblici. Questa gravissima situazione richiede interventi immediati dei prefetti e della forza pubblica che garantisca la libera circolazione e il diritto dei cittadini di muoversi in città.

Anche la Commissione di Garanzia sugli scioperi deve intervenire immediatamente per dichiarare illegittime queste agitazioni che trovano come unica spiegazione la difesa corporativa di poche migliaia di persone. "Chiamiamo tutti i cittadini a una reazione democratica e civile a un’agitazione scomposta e di interessi corporativi – dichiara Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) – Mandino email e lettere ai parlamentari della propria regione a sostegno dei provvedimenti del decreto Bersani".

"Roma e Milano hanno un rapporto taxi/popolazione che è la metà di quello delle maggiori capitali europee (2/1000 contro 4,5/1000 di Parigi, Berlino, Madrid, Londra): ciò rende estremamente difficoltoso usufruire del taxi da parte dei cittadini soprattutto nelle ore di punta, in quelle notturne e nei festivi. Richiamiamo anche i sindaci alle loro responsabilità: prendano nettamente posizione a favore della liberalizzazione delle licenze. Così pure i sindacati dei lavoratori non devono avere dubbi e devono schierarsi a favore di misure che avranno effetti positivi su tutti i cittadini e in particolare sui giovani disoccupati, creando nuove opportunità di lavoro".

Comments are closed.