Portabilità mutuo, costo zero per il consumatore

Costi della portabilità a carico della banca subentrante. E’ quanto ha dichiarato Corrado Faissola, presidente dell’Abi, al termine della riunione del Comitato esecutivo, precisando che l’Associazione "emetterà una raccomandazione perchè non può imporre niente ai propri associati, tanto più su un tema così peculiare per la concorrenza". In pratica – secondo Faissola – chi propone al cliente il trasferimento del mutuo deve sostenere tutti i costi, sia quelli relativi alle penali per estinzione anticipata, sia quelli per la surroga dell’ipoteca e per un nuovo atto di mutuo.

"È una vittoria dell’unità delle associazioni che fin dall’inizio hanno interpretato l’art. 8 della legge 40/2007 nel senso del costo zero per la portabilità dei mutui". Ha commentato Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino (MDC). "Abbiamo tenuto duro di fronte alle obiezioni dell’ABI – continua Longo di MDC – e ora arriva il risultato positivo. Siamo sicuri che ora le banche non potranno sottrarsi a questa, che non è solo una "raccomandazione" all’unanimità dell’Esecutivo ABI, ma anche una interpretazione condivisa da parte del Ministero dello sviluppo economico, che è sempre stato chiaro in questo senso. Dopo i notai che hanno fatto la loro parte semplificando al massimo la procedura di portabilità, ora anche le banche finalmente si aprono al mercato".

"È giusto – conclude il Presidente del Movimento Difesa del Cittadino – che una banca che vuole guadagnare clienti offra ai sottoscrittori dei mutui la portabilità a costo zero, che significa accollarsi l’eventuale penale, i costi del trasferimento dell’ipoteca e dell’attivazione del nuovo mutuo. Ci auguriamo anche che si inneschi un meccanismo di sana competizione, a favore sempre del cliente, anche con una generale disponibilità a rinegoziare i mutui da parte della banca di appartenenza".

Secondo Adiconsum, "la portabilità, per molte famiglie in difficoltà, rappresenta l’ultima spiaggia per riuscire a rimborsare regolarmente le Banche, ma è anche uno strumento di concorrenza che premierà le banche migliori".

Scettiche, invece, altre due associazioni dei consumatori. Mentre il Codacons si augura che "la delibera dell’Abi non sia un’astuta manovra per frenare l’emendamento proposto dall’associazione stessa e varato pochi giorni fa dalla Commissione Finanze della Camera, che impone l’assoluta gratuità del trasferimento dei mutui", Adusbef dichiara di non fidarsi dell’Abi e spera, al contempo, che le banche da domani applichino la legge".

Comments are closed.