Puglia, Consiglio approva legge. Intervista a Luigi Mariano, MDC Lecce

Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato lo scorso 3 maggio all’unanimità la legge che tutela i diritti del consumatore e che riconosce il ruolo fondamentale delle associazioni dei consumatori in ambito regionale. La legge verrà attuata tramite il lavoro della consulta regionale, dello sportello del consumatore, dell’osservatorio dei prezzi e del consumo. Il provvedimento troverà applicazione anche tramite la collaborazione delle Camere di commercio, in particolare per quanto riguarda le pratiche di conciliazione e iniziative a tutela dei diritti dei risparmiatori e degli utenti dei servizi bancari, finanziari e assicurativi.

Help Consumatori ha intervistato il responsabile MDC Lecce, l’avvocato Luigi Mariano per capire quali i benefici futuri per la regione Puglia e per i suoi cittadini.

Riportiamo di seguito il contenuto:

D. Quali vantaggi arrecherà la legge appena approvata?

R. Nel maggio 2004 MDC Puglia aveva organizzato a Lecce, con la partecipazione di Anna Bartolini, il convegno " PUGLIA FUORI DALL’EUROPA ? Tutela dei consumatori: la legge che non c’è". Dopo due anni i pugliesi finalmente cessano di essere figli di un dio minore e diventano un po’ di più cittadini europei perchè la Regione Puglia ha ufficialmente riconosciuto che esiste il consumatore – utente ed ha emanato una legge che in qualche modo lo tutela e lo difende.

D. Quali i criteri e le peculiarità del testo?

R. La L.R. (7 articoli in tutto) favorisce il ruolo sociale ed economico dei cittadini,quali consumatori ed utenti di beni e servizi e riconosce la funzione sociale delle associazioni dei consumatori incentivandone le azioni finalizzate alla tutela dei diritti e degli interessi individuali e collettivi. La Regione Puglia, con questa legge, si pone l’obiettivo di proteggere la salute dei cittadini, in particolar modo dei soggetti deboli, incentivando la prevenzione; di tutelare la sicurezza e la qualità dei prodotti, dei servizi dei processi produttivi e distributivi; di garantire gli interessi economici e giuridici dei consumatori; di promuovere le procedure di conciliazione tra consumatori e imprese e pubblica amministrazione; di promuovere una politica di educazione al consumo; di tutelare i risparmiatori e gli utenti dei servizi bancari, finanziari ed assicurativi, anche mediante collaborazione con le Camere di Commercio.

D. Sarà rafforzato il ruolo delle associazioni dei consumatori?

R. Questa legge prevede l’istituzione del Registro regionale delle Associazioni dei consumatori e degli utenti e della Consulta regionale dei Consumatori e degli Utenti (C.R.C.U.) che esprime pareri obbligatori consultivi su ogni atto di programmazione e proposta di legge che coinvolgano interessi dei consumatori. Il CRCU sarà convocato in audizione presso le commissioni regionali consiliari. Riteniamo non sia cosa di poco conto quella di poter conoscere gli atti programmazione e le proposte di legge regionale prima che siano approvate e di poter dare il nostro contributo nell’interesse dei cittadini.

D. La legge è stata approvata all’unanimità, quale le tappe che hanno caratterizzato l’iter di approvazione?

R. E’ importante rilevare che, anche se la Puglia è arrivata in ritardo rispetto ad altre regioni, la L. R. è stata approvata all’unanimità e riteniamo tale circostanza di buon auspicio sulla possibilità di lavorare bene e celermente. Molto dipenderà dal modo in cui si organizzerà il C.R.C.U. che dovrà istituire al più presto gruppi di lavoro e lavorare in concordia e di buona lena per recuperare il tempo perduto.

D. Sono previste altre iniziative a favore dei consumatori?

R. Con questa legge la Regione prevede una programmazione annuale di attività di sensibilizzazione dei consumatori e campagne di informazione in favore dei consumatori. Viene anche previsto uno sportello del consumatore con uno spazio web ed un call center, gestito dalle associazioni dei consumatori, a cui i cittadini possono rivolgersi per avere informazioni e per presentare osservazioni e denuncie. Viene istituito l’Osservatorio dei prezzi e dei consumi con il compito di condurre indagini e rilevazioni sugli sviluppi e la struttura dei consumi, di effettuare prove comparate sugli standard qualitativi e sui prezzi.

Comments are closed.