RC AUTO. Consumatori all’Isvap: si occupi dei problemi del Sud

"Molte compagnie di assicurazione nel Centro-Sud stanno disdicendo i contratti assicurativi, senza motivazione alcuna, per poi riproporli con aumenti esagerati, che raggiungono anche il doppio delle tariffe precedenti." E’ quanto denunciano Adusbef, Federconsumatori e Movimento Consumatori che stanno ricevendo in questi giorni moltissime segnalazione di cittadini residenti nella zona, in particolare a Napoli.

"E’ un atteggiamento assolutamente vergognoso ed inaccettabile, oltretutto in un settore che detiene il record delle tariffe più alte a livello internazionale. Queste ultime sono aumentate mediamente, quest’anno, del 18%, registrando così aumenti clamorosi da quando è iniziato il cosiddetto processo di liberalizzazione, di ben il 173%" affermano le Associazioni che si chiedono: "Cosa intende fare il Ministero preposto al controllo delle dinamiche di settore? E cosa intende fare l’Autorità che dovrebbe vigilare sul settore, vale a dire l’Isvap?" Ad entrambi le Associazioni chiedono un urgente ed immediato intervento per ridimensionare l’arroganza e la volontà speculativa, ai limiti della legge, delle compagnie di assicurazione.

Nel frattempo Adiconsum presenterà ai vertici dell’Isvap, che incontrerà oggi, un esposto contro un’impresa assicuratrice che ha come oggetto lo stesso comportamento: "Il sistema adottato è semplice: si disdetta una polizza ed alla richiesta di rinnovo si chiede il doppio, e se non basta, il triplo, scoraggiando l’acquisto dell’Rc auto da parte dell’ex assicurato" spiega l’Associazione. "Tale comportamento deve essere configurato nello stesso reato che viene contestato al cittadino quando specula su un sinistro: frode. A questi comportamenti deve seguire la sospensione dell’autorizzazione ad esercitare il ramo RC Auto in tutta Italia" conclude Adiconsum che chiede all’Isvap maggiore sostegno.

Comments are closed.