RC AUTO. Isvap aprirà un’indagine su discriminazione al Sud

Trasparenza, efficienza e giustizia tariffaria: sono questi gli obiettivi che hanno in comune le Associazioni dei consumatori e l’Isvap. Il Presidente dell’Isvap Giancarlo Giannini nell’incontro di ieri con Adiconsum ha preso nota delle proposte dei Consumatori e si è impegnato a mantenere aperto un canale di dialogo con le Associazioni anche su argomenti tecnici. "La stabilità delle imprese – dichiara Pietro Giordano, Segretario Nazionale Adiconsum – fattore determinante per avere un mercato libero, equo ed efficiente, non può passare attraverso il semplice aumento delle tariffe Rc Auto. Politiche assuntive, tariffarie, liquidative, debbono realizzarsi attraverso un percorso che rispetti l’obbligatorietà e la sostenibilità della polizza Rc Auto per entrambi i soggetti (consumatore-impresa)".

Rispetto alla discriminazione in atto in alcune aree del Paese nel contrarre la polizza Rc Auto, l’Isvap aprirà un’istruttoria sul metodo di anteselezione adottato da INA-Assitalia nelle regioni Campania, Puglia e Calabria. Adiconsum rispetto a quella che sembra essere una vera e propria "pulizia geografica" annuncia un esposto anche all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ed una lettera aperta ai presidenti delle regioni oggi oggetto di discriminazione.

Comments are closed.