RCAUTO. Tar Lazio annulla parzialmente multa all’Ania

Il Tribunale Amministrativo del Lazio ha parzialmente annullato la delibera con la quale l’Autorità garante della concorrenza del mercato aveva inflitto multe per un totale di 2 milioni e 200 mila euro all’Ania, Associazione delle Società Assicuratrici Italiane, per aver messo in atto una intesa restrittiva della concorrenza, favorendo la diffusione di parametri di costi uniformi per la determinazione dell’entità dei risarcimenti per danni a cose, nonché attuato un accordo sulle tariffe delle prestazioni in violazione del trattato Cee.

La decisione è della I° Sezione del Tar del Lazio, presieduta da Pasquale De Lise, che ha pubblicato il dispositivo della sentenza ma non le motivazioni della stessa. Con lo stesso dispositivo di sentenza, il Tar ha respinto i ricorsi che sullo stesso argomento avevano presentato l’Aicis (Associazione Italia Consulenti Infortunistica Stradale), lo Snapia (Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi), Snapi (Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali) e Snapis (Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale).

Il Presidente dell’ANIA Fabio Cerchiai ha commentato: "Valutiamo positivamente la decisione del TAR di accogliere, sia pur parzialmente, il nostro ricorso contro il provvedimento dell’Antitrust. Confidiamo che le motivazioni del dispositivo, per ora non note, ci diano ragione nella sostanza. Resta infatti da comprendere perché sarebbero state illecite iniziative volte, nell’interesse degli utenti, a contenere il costo delle riparazioni e quindi dei prezzi dell’assicurazione rc auto."

 

 

Comments are closed.