RINNOVABILI. Ancona, accordo Legambiente-Banche Credito Cooperativo

Anche nella provincia di Ancona l’energia pulita si fa più accessibile. È stata firmata oggi infatti, nella sala giunta della Provincia, una convenzione tra Legambiente Marche e le 7 BCC dell’area – Banca di Ancona Credito Cooperativo, Banca di Credito Cooperativo di Corinaldo, Banca di Credito Cooperativo di Falconara Marittima, Banca di Credito Cooperativo di Filottrano, Banca di Credito Cooperativo di Ostra e Morro D’alba, Banca di Credito Cooperativo di Ostra Vetere, Cassa Rurale ed Artigiana San Giuseppe di Camerano Credito Cooperativo- per la diffusione di finanziamenti agevolati destinati ad impianti alimentati da fonti rinnovabili e a sistemi di efficienza energetica.

Destinatari dei finanziamenti sono i privati cittadini, le imprese e gli Enti pubblici che avranno la possibilità di migliorare l’efficienza energetica dei propri locali (con interventi di coibentazione, doppi vetri e installando caldaie a condensazione) o di diventare produttori di energia pulita installando impianti solari (termici e fotovoltaici), mini-eolici, mini-idroelettrici, caldaie a biomasse e impianti di mini-cogenerazione. Il tutto col risultato di inquinare meno, in linea con quanto previsto dal Protocollo di Kyoto e dal Piano Energetico Ambientale Regionale per la riduzione dei gas serra, e al tempo stesso -effetto non trascurabile- di trovarsi sensibilmente ridotte le proprie bollette energetiche.

D’ora in avanti dunque, i soggetti interessati potranno recarsi presso gli sportelli delle 7 BCC della provincia e intraprendere l’iter per accedere ai finanziamenti agevolati. Convenienza, accessibilità e semplicità sono le parole chiave del pacchetto finanziario, che nel dettaglio prevede un importo fino a 150.000,00 euro da rimborsare entro massimo 10 anni. Il tasso applicato, variabile, è agganciato all’Euribor 6 mesi, maggiorato di uno spread di 0,75 punti (ad oggi pari al 4,60 circa). Sono inoltre previsti finanziamenti fino ad un massimo di 20.000,00 euro per interventi didattici nella formazione professionale degli addetti al settore al fine di migliorarne le conoscenze. In questo percorso Legambiente Marche avrà un ruolo non da poco. L’associazione ambientalista si impegna infatti a fornire assistenza tecnica alle BCC-CRA firmatarie per una prima valutazione dei progetti sottoposti a richiesta di finanziamento, nonché alla preparazione e divulgazione di materiali cartacei promozionali e di opuscoli descrittivi delle convenzioni.

Comments are closed.