RISPARMIO. Abi: bene attività finanziaria delle famiglie

L’Associazione Bancaria Italiana ha reso noto oggi il Rapporto Mensile. Nella parte relativa alle attività finanziarie delle famiglie, l’Abi sostiene che dall’analisi degli ultimi dati disponibili emerge che l’attività ammonta a 3.479,9 miliardi di euro nel terzo trimestre del 2009, con un aumento su base annua del 3%. Le principali tendenze delle sue componenti possono essere riassunte come segue.
In crescita:
– la dinamica di biglietti, monete e depositi bancari, che al terzo trimestre del 2009 hanno segnato una variazione tendenziale del +4%; la quota di questo aggregato sul totale delle attività finanziarie delle famiglie risulta essere pari al 30,6% (30,3% nel precedente anno);
– le assicurazioni ramo vita, fondi pensione e TFR, che nel terzo trimestre del 2009 hanno segnato una crescita del +4,8%. La quota di questo aggregato risulta pari al 16,7% (16,5% nel precedente anno);
– azioni e partecipazioni (+6,7%). La quota di questo aggregato risulta pari al 21,9% (21,1% nel precedente anno).
In flessione:
– le obbligazioni pubbliche e private, diminuite dell’1%; nello specifico, le emissioni a breve termine sono diminuite del 56,3% mentre quelle a medio – lungo termine sono aumentate dell’8,6%. Tra quest’ultime, vi è stato un incremento del 6% delle obbligazioni emesse da
istituzioni finanziarie e monetarie e del 20,6% dei titoli di Stato. La quota di questo aggregato sul totale delle attività finanziarie delle famiglie risulta essere pari al 21,4% (22,3% nel precedente anno);
– le quote di fondi comuni (-3,6% su base annua). La quota di questo aggregato sul totale delle attività finanziarie delle famiglie risulta essere pari al 5,2% (5,6% nel precedente anno).

Comments are closed.