RISPARMIO. Adoc: stangata di 516 euro a famiglia per aumenti tassi di interesse e tariffe energia

Con i rialzi dei tassi di interesse decisi oggi dalla Banca Centrale Europea e con gli ultimi aumenti di luce e gas decisi dall’Autorità per l’energia elettrica ed il gas si profila una stangata di oltre 500 euro per le famiglie italiane. E’ quanto stima l’Adoc che invita le banche a dissuadere i clienti dallo stipulare mutui a tasso variabile. "Le famiglie subiranno una stangata di oltre 500 euro l’anno – dichiara Carlo Pileri, Presidente di Adoc – ai 300 euro di aggravio derivanti dagli aumenti delle tariffe energetiche si aggiungono i circa 216 euro in più l’anno derivanti dal rialzo dei tassi d’interesse dello 0,25% deciso oggi dalla BCE. Riteniamo sia necessaria, da parte delle banche, avviare una campagna informativa rivolta alla clientela che dissuada dallo stipulare mutui a tasso variabile e favorisca il passaggio al tasso fisso. Altrimenti – conclude Pileri – si corre il rischio di un eccessivo indebitamento e, considerando il trend futuro che si annuncia ancora più gravoso, le famiglie non potranno garantire il pagamento delle rate, mettendo in difficoltà anche lo stesso sistema bancario".

Comments are closed.