RISPARMIO. Bond Argentina, Confconsumatori: “Ancora possibile fare causa alla banca”

Numerose richieste di informazioni sono giunte alla Confconsumatori di Pistoia da parte di proprietari di bond argentini impegnati con la proposta di transazione lanciata dallo Stato Argentino. Si lamenta una completa disinformazione da parte degli istituti bancari; confusione soprattutto fra l’offerta di titoli "par" e titoli "discount".

La maggior parte dei risparmiatori pistoiesi è però interessata alla possibilità di far causa alle banche che vendettero a suo tempo i Tango Bond ai consumatori anche nel caso di adesione alla proposta Argentina. Molti Istituti di credito, infatti, non erano state chiare sul punto, consigliando ai propri clienti ad accettare la proposta dell’Argentina e precisando poi che la causa non sarebbe stata possibile.

Confconsumatori precisa che l’azione legale contro le banche per recuperare il capitale perduto è comunque sempre possibile. "Anzi, l’estrema incertezza della proposta argentina, ci fa affermare che la causa contro le banche è alla fine la strada che consente con maggiore probabilità ai risparmiatori di ottenere il risarcimento dei danni subiti dal fallimento dello Stato Argentino. La nostra associazione ha conseguito numerosi successi in tali azioni, ma i consumatori devono sapere che i termini per agire scadranno nel 2011".

Comments are closed.