RISPARMIO. Bond Argentina, nuova offerta pubblica. Federconsumatori: atteggiamento irrispettoso

La Repubblica Argentina ha promosso una nuova offerta pubblica di scambio sui bond emessi prima del 2005 per tutti i risparmiatori rimasti vittime del noto default dei tango bond del 2001. "Ci riserviamo di esprimere le valutazioni di merito quando il prospetto sarà reso noto" commenta Federconsumatori che aggiunge: "Quello che possiamo dire con certezza è che anche questa volta l’atteggiamento della Repubblica Argentina non è stato rispettoso delle minime e basilari regole della concertazione. Prendiamo atto del deposito in Consob di questa nuova offerta, infatti, ma non possiamo non rilevare che la stessa è stata formulata dalla Repubblica Argentina senza coinvolgere preventivamente le associazioni rappresentative e gli organismi di rappresentanza dei risparmiatori.

Nel 2005, la Federconsumatori ritenne inaccettabile la proposta di rimborso all’epoca formulata ai risparmiatori. "La proposta era scandalosa sotto tutti i punti di vista: sia per l’arco temporale previsto per il rimborso (le nuove scadenze venivano portate a 35 anni), che per l’ammontare del risarcimento che alle nuove scadenze avrebbe raggiunto circa il 30 per cento del valore nominale dei titoli in possesso" spiega l’Associazione. Per questi motivi, Federconsumatori disse no ad un’offerta capestro e truffaldina. "I numerosi successi, le sentenze ottenute e la Giurisprudenza creata in questi anni dai ns legali di riferimento ci hanno dato ragione" conclude l’Associazione.

Comments are closed.