RISPARMIO. Bond Argentina, nuova vittoria Confconsumatori. Prescrizione scatta il 24 dicembre

Scatta il prossimo 24 dicembre la prescrizione per i Bond Argentina. A dieci anni dal default, infatti, si prescriveranno tutti i diritti nei confronti delle banche per quei risparmiatori che avevano acquistato i "tango bond". A ricordarlo è Confconsumatori, che sottolinea l’ultimo caso risolto con successo dalla sezione di Prato, relativo a un acquisto avvenuto nell’agosto 2001, cioè pochissimi mesi prima del fallimento dell’Argentino.

Il Tribunale di Prato ha condannato l’Istituto Bancario a risarcire del capitale perduto due giovani risparmiatori assistiti dagli avvocati Alessandro Fagni e Daniele Nicolin. La banca dovrà dunque restituire i 10 mila euro investiti, più gli interessi e le spese legali. Grazie al procedimento sommario, la sentenza è stata emessa in cinque mesi. "I risparmiatori devono sapere – commentano gli avvocati Nicolin e Fagni – che i loro risparmi perduti possono essere recuperati e ciò è anche possibile in tempi brevi. Purché si agisca contro le banche prima che i tempi di prescrizione siano decorsi".

La condanna della banca è avvenuta in virtù della violazione degli obblighi imposti dalla normativa vigente ed in particolare dal regolamento Consob n. 11522/1998: la banca, cioè, non ha fornito al risparmiatore tutte le informazioni necessarie a consentire di fare una scelta consapevole in ordine alla natura e ai rischi dell’investimento in un titolo che, come quello argentino, era già indicato dalle agenzie con un rating progressivamente sempre più basso.

Comments are closed.