RISPARMIO. Carrier 1, vittoria di Confconsumatori: 97 investitori risarciti

"Confconsumatori ha ottenuto una sentenza da parte del Tribunale di Milano importantissima". Così hanno dichiarato gli avvocati Giovanni Franchi e Massimiliano Valcada – lagali dell’associazione – in merito alla decisione del Tribunale di accogliere la richiesta di risarcimento di 97 risparmiatori che avevano acquistato nel 2001 dei titoli d’investimento Carrier 1 e che hanno perso i propri soldi poco tempo dopo, quando la società americana del nuovo mercato (Nasdaq) è finita in dissesto. I contratti d’investimento sono stati tutti annullati sia perchè non stipulati in forma scritta (prevista dall’art. 23 TUF), sia perchè la società statunitense proprietaria dei bond è risultata essere proprietaria anche del 15% del capitale sociale della banca in questione. Questa circostanza costituisce infatti violazione del divieto di conflitto d’interessi.

Si legge in una nota di Confconsumatori che la soddisfazione deriva dal fatto che c’è stato il riconoscimento per gli investitori di "agire in giudizio congiuntamente, come se si fosse al cospetto di una vera e propria class action" e inoltre "è stato affermato che non si possono vendere ai risparmiatori obbligazioni di società prossime al default e che, nel caso ciò accada, la banca incorra in un obbligo risarcitorio".

Comments are closed.