RISPARMIO. Ciampi ha controfirmato la nuova legge

Il presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, ha controfirmato la nuova legge sul Risparmio, che sarà pubblicata in Gazzetta Ufficiale già oggi. L’iter parlamentare di approvazione della norma si era concluso lo scorso 23 dicembre, quando il Senato ha approvato definitivamente il disegno di legge.

Tra le principali novità, la riforma della Banca d’Italia, che introduce il mandato a termine di 6 anni per il governatore che sarà nominato e revocato dal Capo dello Stato su proposta del Governo, sentito il Consiglio superiore di Bankitalia. Adesso, infatti, il Consiglio dei Ministri dovrà indicare al presidente della Repubblica un nome per Palazzo Koch. Prevista inoltre una moratoria di tre anni per il passaggio in mano pubblica della proprietà delle banche.

All’Autorità Garante della concorrenza e del mercato passa la vigilanza sulla concorrenza bancaria per gli abusi di posizione dominante e per le intese restrittive della concorrenza, prima di competenza di Bankitalia. In totale le autorità di vigilanza sono 5: Banca d’Italia, Antitrust, Isvap, Covip e Consob. La nuova disciplina consente inoltre, nella vigilanza ispettiva ed informativa, la collaborazione della Guardia di Finanza.

Istituita presso il Governo una commissione per la tutela del risparmio, mentre è stata stralciata la norma che destinava al rimborso dei risparmiatori vittime di crac finanziari, i depositi giacenti presso le banche e non rivendicati per un certo lasso di tempo. Per quanto rigurda il falso in bilancio, la nuova legge sul risparmio prevede l’arresto fino a due anni.

Comments are closed.