RISPARMIO. Immigrazione, online il sito mandasoldiacasa per confrontare costo delle rimesse

È online il sito mandasoldiacasa.it che permette di paragonare i costi di invio delle rimesse inviate dagli immigrati nei paesi di origine, con l’obiettivo di garantire trasparenza e chiarezza delle informazioni, e stimolare gli operatori di mercato a migliorare l’offerta. Il sito, frutto di una prima versione sperimentale e utile in termini informativi per gli utenti e migranti e per il monitoraggio del mercato, nasce dai comuni obiettivi e progetti dei partner che lo sostengono: OIM (Organizzazione Internazionale delle Migrazioni), ACLI, ARCI, ARCS, Banca Etica, CeSPI (Centro Studi di Politica Internazionale), ETIMOS, IPSIA, UCODEP, WWF Italia, ed è stato realizzato con il contributo del Ministero degli Affari Esteri.

Sul sito si possono dunque trovare condizioni e costi di invio di 150 e 300 euro in una serie di Paesi prendendo come punto di riferimento, in questa prima fase di sviluppo, le due città di Roma e Milano. Per identificare gli operatori da inserire nelle rilevazione, è stata seguita la metodologia adottata dalla Banca Mondiale, che identifica gli operatori che coprono circa il 60% del mercato delle rimesse per il corridoio considerato. Poiché però in Italia mancano dati ufficiali per misurare i flussi di rimesse per paese di destinazione e per operatore, è stato necessario elaborare una stima sulla base dell’analisi dei dati disponibili a partire da esperti e da indagini effettuate fra le comunità migranti. Sono stati considerati sia le Agenzie di Trasferimento di Denaro (Money Transfer Operators, MTO) che gli Istituti Bancari. Nella prima fase di sviluppo, la rilevazione si è concentrata a Roma e Milano perché rappresentano le due principali città sia per flussi di rimesse che per presenza di cittadini migranti.

Comments are closed.