RISPARMIO. Italiani prudenti: 4 su 10 non comprano azioni da 2 anni. Rapporto Bnl-Einaudi

Quattro italiani su dieci non toccano il proprio dossier titoli da almeno due anni: la fotografia scattata dal rapporto Bnl-Einaudi 2005 sugli impieghi finanziari degli italiani ritrae un investitore cauto e prudente, di fatto un "cassettista". Il 42% degli intervistati – si legge nel rapporto – afferma di non aver fatto operazioni di acquisto di prodotti finanziari negli ultimi 60 mesi. Una "inattività che si inserisce in una situazione di lungo periodo con le stesse caratteristiche", e che stupisce perché avviene "in un contesto in cui i prezzi delle attività finanziarie e reali sono tutti saliti nel contesto di una volatilità relativamente bassa".

A causare una simile prudenza potrebbe essere la mancanza di fiducia degli investitori – notano gli economisti autori del rapporto – anche se stupisce un simile livello di incertezza percepita. Resta il fatto che la sicurezza nell’investimento – si legge nel rapporto – resta al primo posto tra gli obiettivi d’investimento per il 55% degli intervistati. E il 47% dei circa 1000 risparmiatori intervistati si dichiara "per niente favorevole a correre rischi nel campo degli investimenti finanziari pur di aumentarne il rendimento atteso". A livello di scelte d’investimento, quest’anno è in aumento (8,5% contro il 6,1% del 2004) la percentuale degli intervistati che negli ultimi 12 mesi ha investito in prodotti del risparmio gestito (fondi comuni di investimento o servizi di gestione patrimoniale).

Un ritorno di interesse dovuto all’esigenza di diversificare gli investimenti e alla liquidità dei fondi. A livello di prodotti finanziari, a distanza di due anni dai crac Cirio e Parmalat dal rapporto emerge anche come sia in calo il numero di investitori che ritiene i bond rischiosi (25% contro il 32% del 2004). Continuano, infine, ad essere soddisfatti gli italiani che hanno investito in immobili: il 62% degli intervistati (da 54% dello scorso anno) afferma di essere molto soddisfatto

Comments are closed.