RISPARMIO. Landi: “Le banche si facciano carico di eventuali danni ai risparmiatori”

"I fondi di garanzia possono tamponare l’effetto domino, ma per uscire dalla crisi ed evitare che si ripeta occorrono regole nuove affinché la finanza ritorni ad essere funzionale allo sviluppo". Lo ha dichiarato il Presidente di Adiconsum Paolo Landi, in merito ai recenti sviluppi della crisi finanziaria. "I banchieri si ostinano ad affermare che questa crisi non era prevedibile, ma questo non è altro che un alibi. Noi stessi, come Adiconsum – si legge in una nota dell’Associazione dei Consumatori – avevamo denunciato tale rischio in vari consessi economici".

"Quando un sistema crea prodotti e strumenti funzionali alla speculazione e non allo sviluppo, veicolandoli con il sistema delle così dette catene di S. Antonio, avvalorati da società di rating, era evidente che prima o poi tutto ciò sarebbe arrivato al capolinea – continua il comunicato. "Non è casuale che le così dette vendite piramidali siano fuorilegge. Anche le banche centrali e gli organismi internazionali a loro volta non hanno contrastato queste speculazioni e non c’è dubbio che è alla mancata vigilanza delle banche centrali che va imputata questa grave crisi".

Queste sono le regole su cui aprire un dibattito suggerite da Adiconsum:

  1. Liquidazione delle società di rating che hanno coperto e avallato questa montagna di prodotti spazzatura. Occorre ricondurre le società di rating sotto il diretto controllo delle banche centrali, evitando palesi conflitti di interesse.
  2. Rigide regole di contrasto alla finanza speculativa per evitare gli eccessi avvenuti in questi ultimi anni dalle Autorità monetarie (ad es. norme per contrastare gli acquisti allo scoperto, come deciso in questi giorni da alcuni Stati).
  3. Divieto alla creazione di prodotti sulla base del principio della catena di S. Antonio. Una direttiva europea già oggi le vieta. Inoltre istituire sanzioni anche a quegli operatori che non hanno rispettato le normative in materia.
  4. Azione collettiva per una migliore tutela dei consumatori e quale deterrente contro le pratiche commerciali scorrette.
  5. Sequestro ai manager responsabili di questo dissesto dei rilevanti benefits acquisiti in questi ultimi anni (stock options) e interdizione dagli incarichi nel settore finanziario.

"Negli incontri che le Associazioni dei Consumatori hanno avuto con i presidenti dell’Ania e dell’Abi abbiamo chiesto che banche e compagnie di assicurazione si facciano carico di eventuali danni nei confronti dei risparmiatori. Ai risparmiatori che hanno investito i propri risparmi – conclude la nota di Adiconsum – consigliamo di recarsi presso la propria banca e di verificare direttamente le conseguenze che ha subito il proprio portafoglio, attraverso il controllo della nota informativa e degli eventuali acquisti a rischio non precedentemente concordati".

Comments are closed.