RISPARMIO. Tango bond: la tutela della Tfa dal rischio prescrizione verso l’Argentina

La Task Force Argentina (Tfa) continua ad assistere i possessori di bonds emessi dalla Repubblica Argentina, e che hanno aderito al ricorso Icsid, per preservare e tutelare i loro diritti nei confronti del Paese sudamericano. Il Presidente della Tfa, Nicola Stock, ha spiegato che "l’Argentina ha violato i diritti dei bondholders non provvedendo al rimborso del proprio debito e la Task Force è impegnata a prestare assistenza agli obbligazionisti, che le hanno conferito uno specifico mandato, nella tutela dei loro diritti verso l’Argentina".

Tfa- si legge dalla nota – sta prestando assistenza ad oltre 170.000 italiani detentori di obbligazioni sovrane argentine, nella tutela dei loro diritti contro l’Argentina che derivano dai trattati internazionali attraverso un procedimento arbitrale di fronte all’Icsid a Washington. Per i numerosi investitori italiani che hanno conferito un mandato alla Tfa in riferimento alla partecipazione all’arbitrato, e non l’hanno revocato, l’Associazione sta predisponendo con i propri consulenti legali le iniziative necessarie per preservare i loro diritti contrattuali secondo la Legge nazionale applicabile. Obiettivo è quello di cautelarli dal potenziale rischio di scadenza dei termini di prescrizione delle diverse emissioni obbligazionarie che potrebbe sorgere in base alle leggi applicabili nelle relative giurisdizioni nazionali mentre l’arbitrato è in corso.

Il Presidente Nicola Stock ha ribadito che "in virtù del potere conferitole dal mandato sottoscritto dai bondholders, la Tfa si sta attivando per preservare i diritti contrattuali degli obbligazionisti secondo la legge nazionale, basandosi sulle possibili interpretazioni delle leggi disciplinanti i bond di riferimento, tra cui le leggi dell’Argentina, Germania, Gran Bretagna, Italia, Spagna, Stati Uniti d’America e Svizzera".

 

Comments are closed.