Rinegoziazione mutui, intervista a F. Avallone (Federconsumatori)

Abi e Governo nei giorni scorsi hanno firmato la convenzione sulla rinegoziazione dei mutuia tasso variabile: a partire dal primo gennaio 2009 chi ha stipulato un mutuo a tasso variabile prima del 29 maggio 2008 potrà usufruire di un "taglio della rata" che verrà recuperato alla fine del finanziamento su un conto a parte, che non sarà altro che la differenza tra quello che si sarebbe dovuto e ciò che realmente si paga con il "taglia rate".

La Convenzione, tra l’altro, indica:

  • le modalità di adesione alla Convenzione stessa, anche nel caso in cui il mutuo sia stato oggetto di un’operazione di cartolarizzazione con cessione dei crediti (art. 1, commi 1 e 2, nonché art. 7);
  • le tipologie di mutui oggetto delle operazioni di rinegoziazione (art. 2, comma 1);
  • che la rinegoziazione assicura la riduzione dell’importo delle rate del mutuo da corrispondere con scadenza successiva al 1° gennaio 2009 ad un ammontare pari a quello indicato nell’art. 3, comma 1, della stessa; che la differenza tra l’importo della rata dovuta secondo il piano di ammortamento originariamente previsto e l’importo della rata risultante dall’atto di rinegoziazione è addebitata su di un conto di finanziamento accessorio (art. 3, commi 2 e 3);
  • che l’eventuale debito risultante dal predetto conto di finanziamento accessorio, alla data di originaria scadenza del mutuo, è rimborsato dal cliente sulla base di rate costanti di importo uguale all’ammontare della rata risultante dalla rinegoziazione (art. 3, comma 4);
  • che l’eventuale estinzione anticipata del mutuo oggetto di rinegoziazione non comporta l’applicazione di penali. Non si applicano penali neanche in caso di rimborso anticipato del saldo del conto accessorio (art. 4, comma 1);
  • le modalità ed i contenuti della proposta di rinegoziazione e della sua accettazione da parte del mutuatario, corredata da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi dell’art. 47 DPR. n. 445/2000 (art. 5).

Per saperne di più Hel Consumatori ha intervistato Francesco Avallone, vice presidente di Federconsumatori e responsabile del settore credito dell’associazione.

Molte associazioni a tutela dei consumatori hanno considerato la misura "taglia rate" contenuta nel pacchetto fiscale un’ipotesi a cui ricorrere solo come "extrema ratio". E’ d’accordo con questa interpretazione?
Sono cosciente del fatto che molte banche si rifiutavano di rinegoziare i contratti di mutuo con altri prodotti più favorevoli. Quindi, i mutuatari che hanno stipulato con queste banche – soprattutto piccole e medie – potranno trarre beneficio dalla proposta Tremonti a patto che le banche vi aderiscano. Infatti – come più volte ha sottolineato l’Abi – l’adesione alla convenzione è volontaria: ogni banca potrà decidere se aderirvi.

La proposta Tremonti arricchirà le banche o tutelerà i consumatori?
Il prodotto studiato da Tremonti è sicuramente più favorevole alle banche: alle cifre accantonate in un conto corrente ad hoc, infatti, verrà applicato il tasso di interesse IRS (quello che si applica ai mutui a tasso fisso) che è per sua natura più alto dell’EURIBOR (tasso che si applica ai mutui a tasso variabile). Al tasso inoltre verrà aggiunto lo 0,5%. Dunque un miscuglio tra tasso fisso e variabile che si concluderà con un arricchimento delle banche.

La surroga del mutuo prevista da Bersani è ancora possibile. E’ più conveniente rispetto alla misura "taglia rate"?
La surroga è certamente possibile anzi se le banche si fossero adeguate alle previsioni Bersani ci sarebbero stati molti più vantaggi per i consumatori. Si sarebbe, infatti, attivata una libera concorrenza tra le banche che avrebbero proposto – pur di raggiungere più clienti possibili – prodotti sempre migliori e convenienti. Ma come sappiamo non sono state molte le banche che hanno permesso – con la facilità prescritta da Bersani – la surroga del mutuo. Mi auguro che tra le azioni del nuovo Governo ci sia un maggiore controllo sugli istituti bancari.

PDF: Il testo della convenzione

Comments are closed.