Rinnovabili, è boom di investimenti

Rinnovabili avanti tutta. Gli investimenti globali in energia rinnovabile hanno raggiunto nel 2010 il record di 243 miliardi di dollari, con un aumento del 30% rispetto all’anno precedente. Il solare è il settore che fa registrare addirittura una crescita del 53% negli investimenti. La classifica nazionale degli investimenti ripartiti per paese vede ai primi tre posti Cina, Germania e Stati Uniti, seguiti al quarto posto dall’Italia, mentre Cina, Germania, Italia e India sono fra le nazioni che con più successo hanno attratto investimenti privati. In particolare, per il Belpaese si parla di investimenti complessivi per 13,9 miliardi di dollari in energia pulita nel 2010.

È quanto emerge da una ricerca del The Pew Charitable Trusts. La Cina stabilizza la sua posizione con un record di 54,4 miliardi di dollari in investimenti nel 2010 e un aumento del 39% rispetto al 2009. La Germania si piazza seconda con 41,2 miliardi di dollari. Gli Stati Uniti scendono al terzo posto con investimenti pari a 34 miliardi di dollari. A livello regionale, l’Europa rimane l’area più attrattiva con 94,4 miliardi di dollari in investimenti, trainati dalla Germania e dall’Italia; segue la regione dell’Asia/Pacifico con la rapida crescita della Cina e investimenti complessivi per 82,8 miliardi di dollari.

Il rapporto sottolinea che l’energia eolica continua a rappresentare la tecnologia favorita dagli investitori con 95 miliardi di dollari; è però il solare che registra la crescita più significativa nel 2010, con investimenti che sono aumentati addirittura del 53% fino a un record di 79 miliardi di dollari.

Commenta Michael Liebreich, chief executive di Bloomberg New Energy Finance: "Guardando alle tendenze globali, il settore del solare ha sperimentato la crescita più elevata fra le varie tecnologie, trainato da progetti residenziali su piccola scala. Prezzi in diminuzione e importanti sostegni governativi hanno aiutato il solare a raggiungere il 40% degli investimenti totali in energia pulita nel 2010".

Comments are closed.