SALUTE. Acqua non potabile a Civitavecchia, Garante Idrico risponde a MDC

Il Garante regionale del Servizio Idrico Integrato ha risposto alla lettera inviata dal Movimento Difesa del Cittadino di Civitavecchia, qualche giorno fa, dopo che il Comune ha emesso l’ordinanza di non potabilità dell’acqua a causa della presenza di batteri. Il Garante ha chiesto al Comune di Civitavecchia e alla Segreteria Tecnica dell’ATO2 di fornire una relazione dettagliata sui provvedimenti presi per fronteggiare il divieto dell’uso di acqua potabile sul territorio cittadino e sullo stato della situazione attuale dell’approvvigionamento idrico.

Inoltre il Garante chiede una descrizione delle reti e degli impianti, un esame delle problematiche che possono causare carenze e disservizi, anche in considerazione di quanto già successo nel 2008 nei Comuni di Tolfa, Allumiere e Santa Marinella. Infine, il Garante chiede chiarimenti sul trasferimento del S.I.I. e informa della vicenda la Commissione Nazionale di Vigilanza sulle Risorse Idriche (CO.VI.R.I.), oltre che alla Consulta Regionale degli Utenti e dei Consumatori. La Commissione è l’organo che ha il potere di esercitare l’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori e di risarcimento dei danni a tutela dei diritti dell’utente.

"Siamo ansiosi di leggere le relazioni che saranno prodotte e, augurandoci che possano aiutare a far luce sulle problematiche dei cittadini con il servizio idrico, sarà nostra cura renderle pubbliche – scrive MDC in una nota, in cui ringrazia il Garante, augurandosi di ricevere a breve un riscontro anche dal Comune di Civitavecchia.

Comments are closed.