SALUTE. Al via oggi la prima edizione della Settimana Veterinaria Europea

Parte oggi ed è alla sua prima edizione la Settimana Veterinaria Europea, un’iniziativa lanciata dalla Commissione Ue, nell’ambito del progetto "Una nuova strategia per la salute degli animali (2007-2013)-Prevenire è meglio che curare". Dal 10 al 16 novembre si svolgeranno in tutti i paesi dell’Unione Europea una serie di eventi e attività, tra cui convegni, mostre, sessioni di formazione con il fine comune di sottolineare l’importanza della prevenzione per ridurre i rischi in materia di salute animale.

Biosicurezza negli allevamenti e biosicurezza alle frontiere saranno i temi su cui esperti veterinari dei paesi membri, varie categorie attive nel settore della salute animale, organizzazioni aeroportuali e del trasporto, autorità competenti si confronteranno per tradurre le linee politiche in azioni concrete attraverso la creazione di una rete di cooperazione tra i diversi settori e di un’efficace diffusione delle informazioni ai cittadini.

La conferenza d’apertura si tiene oggi a Bruxelles ed ha un titolo estremamente significativo: "One health: Healthly Animals = Healthly People" (Una sola salute: Animali sani = Uomini sani). La salute degli animali, per il suo stretto legame con la salute pubblica e la sicurezza alimentare, costituisce un pilastro della politica comunitaria. Raggiungere standard elevati di salute e benessere degli animali significa avere effetti positivi sulla salute umana e sul benessere dei consumatori.

L’insorgenza nell’Unione Europea di focolai di malattie esotiche degli animali, causati da ceppi virali mai isolati all’interno della Comunità, ha messo in evidenza i rischi legati anche alle importazioni da Paesi terzi, a scopo non commerciale, di prodotti di origine animale trasportati nei bagagli dei viaggiatori o spediti a privati per uso personale e di animali da compagnia introdotti al seguito dei proprietari.

La Settimana Veterinaria Europea si pone, quindi, l’obiettivo di sensibilizzare e di informare cittadini e viaggiatori in provenienza da Paesi terzi, sui divieti e sulle principali norme che regolano il trasporto nel territorio comunitario di prodotti d’origine animale e di animali da compagnia a scopo non commerciale, al fine di contrastare le importazioni illegali e ridurre la minaccia di introduzioni di agenti patogeni dannosi per l’uomo e per gli animali.

In Italia l’evento, organizzato dal Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria – Direzione Generale della Sanità Animale e del Farmaco Veterinario in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane, si svolgerà presso i Posti di Ispezione Frontalieri (PIF) degli aeroporti di Milano Malpensa, di Roma Fiumicino e di Bologna. In queste sedi saranno organizzati training e seminari interdisciplinari che coinvolgeranno le autorità di controllo presenti a livello locale e le società interessate.

Nell’ambito della strategia europea per la salute degli animali il Ministero lancerà nei prossimi mesi una apposita sezione del sito per facilitare l’accesso alle informazioni, sia da parte dei cittadini che degli operatori del settore, sulle disposizioni comunitarie in tema di importazioni di prodotti di origine animale per uso personale.

Comments are closed.